La collinetta d‘acqua di Tobi

«Adesso vi mostro in che modo l‘acqua riesce a creare una collinetta. Com‘è possibile?», chiede Nina: «L‘acqua è sempre piatta!»

«E allora fa‘ bene attenzione, Nina. Secondo te riesco a mettere ancora qualcosa nel mio bicchiere colmo fino all‘orlo?», chiede Tobi. - «No, altrimenti trabocca!», risponde Nina.


Tobi ha riempito il suo bicchiere fino all‘orlo, è così pieno che in effetti non si può più aggiungere nemmeno una goccia. Vicino al bicchiere ha preparato alcune monete. Poi Tobi mette nel bicchiere una moneta dopo l‘altra, facendole scivolare molto lentamente dal bordo. Pian piano l‘acqua s‘inarca fino a formare una collinetta. Nina e Hugo osservano stupiti l risultato. «Magnifico! », grida Hugo: «Come hai fatto?»


«Come abbiamo visto prima con l‘esperimento di Hugo, le minuscole particelle d‘acqua si raggruppano in modo compatto sulla superficie dell‘acqua. Questa sorta di pelle che si forma ha un‘ottima tenuta, impedendo infatti all‘acqua traboccare dal bordo del bicchiere. E così l‘acqua s‘inarca, dapprima lentamente, come una collinetta, prima di uscire dal bicchiere.» «Ehm Tobi, quante monete pensi di aggiungere ancora?», chiede Hugo. - «Nessuna, altrimenti l‘acqua trabocca davvero. Grazie comunque, Hugo», risponde Tobi. - «Per cosa?» - «Per le monete. Che stavano tutto sotto il tuo letto. Come del resto ce ne sono ancora...» - «Ah già!», rincara la dose Nina, «sotto il letto di Hugo sono nascosti autentici tesori, sono anche andata a dare una sbirciata: una scarpa da tennis, un giornalino di fumetti, una …» - «Basta!», si affretta a intervenire Hugo, «quello che c‘è sotto il mio letto è una cosa privata.» - «..mela morsicata, un calzino con un buco, una…» - «Ora fa‘ vedere il tuo esperimento, Nina! A proposito Tobi: intorno al tuo bicchiere si è formata una pozzanghera. Forse una delle mie monete era davvero di troppo, eheh.»


Ecco cosa ti serve:

  • un bicchiere pieno d‘acqua
  • diverse monete

 

Anche altri bambini lo hanno trovato interessante

Clicca sulla galleria

Nella mia famiglia...