Il cinque grandi

Conosci i "grossi cinque" dei safari? No? Allora leggi subito di che si tratta!

 

L’obiettivo in ogni safari è incontrare i «Big Five», ossia i cinque grandi: leoni, elefanti, ­ri­noceronti, bufali e leopardi. Un tempo, per i cacciatori di grossi animali questi cinque e­rano un ambitissimo trofeo, ecco perché vengono chiamati così. Fortunatamente oggi i turisti si avvicinano ai cinque grandi armati soltanto di cineprese e macchine fotografiche. 

Leone

I leoni sono i felini più socievoli. Le femmine della famiglia, quindi madri, figlie, zie e sorelle, rimangono unite per tutta la vita. L’educazione dei cuccioli è affidata alle madri, che insegnano loro anche a cacciare.

Elefante

Gli elefanti hanno bisogno di acqua per raffreddare il loro immenso corpo. Prima si dissetano, poi guadano le acque più profonde e con la proboscide si fanno la doccia. A volte, un elefante s’immerge totalmente nella pozza, lasciando affiorare soltanto la punta della proboscide. Sembra uno snorkel vivente!

Bufalo

Il bufalo nero, noto anche come bufalo cafro o bufalo africano, è dotato di enormi corna ricurve ed è piuttosto aggressivo. I vecchi maschi intervengono spesso per difendere il branco da cacciatori e leoni.

Leopardo  

Questi felini sono ottimi arrampicatori. Il leopardo ha una forza tale da poter tra­sportare anche una preda grande quanto una gazzella in cima a un albero. Qui può consumare il suo pasto in santa pace, al riparo dalle iene e dai leoni a caccia di prede «gratuite».

Rinoceronte

Il rinoceronte nero e il rinoceronte bianco fanno parte degli animali a rischio di estinzione. Purtroppo vengono tuttora uccisi dai bracconieri che vendono i loro corni sul mercato nero. Ecco perché le riserve naturali sono particolarmente importanti per i rinoceronti.

 

Anche altri bambini lo hanno trovato interessante

Clicca sulla galleria

Giochi al contrario: quale suona più divertente?